Il mondo dei vaccini: dialogo con un’esperta

A tu per tu con Maria Lattanzi, Responsabile dello Sviluppo Clinico per il Research & Development Center italiano di GSK Vaccines.

di Caterina Sorge Pasqui

 

Incontro Maria Lattanzi, medico Specializzato in Malattie Infettive, nei vaccini da 15 anni, recentemente nominata Responsabile dello Sviluppo Clinico per il Research & Development Center italiano di GSK Vaccines. Con pochissimo preavviso la Dr.ssa Lattanzi si rende disponibile per una mezz’ora di chiacchierata sul mondo dei vaccini (che poi sfora in 45 minuti e anche più), il cui scopo è provare a dare delle informazioni e fare un po’ di chiarezza, partendo dal presupposto che Maria lavora nei vaccini per scelta, non per caso, “perché credo sia un modo concreto di migliorare il mondo”.

Maria-Lattanzi

Parliamo dell’iter di un vaccino, dalla sua nascita alla commercializzazione.

La prima cosa da dire è che il processo di sviluppo di un vaccino è molto lungo, in media 15-20 anni. La prima fase comincia in laboratorio, dove s’identificano le sostanze che possono dare protezione: quali, quante e se hanno bisogno di essere supportate da altre sostanze, chiamate adiuvanti, che ne aumentano la potenza. Si passa poi alla fase pre-clinica per definire le caratteristiche del candidato vaccino e per iniziare la valutazione sulla sua sicurezza. Se questa fase è superata con successo, si passa alla fase clinica, ossia alla sperimentazione sull’uomo. Questa fase è a sua volta suddivisa in vari stadi, nei quali vengono condotti studi clinici su un campione progressivamente più numeroso di popolazione, passando dall’obiettivo iniziale di testare la sicurezza del vaccino, ossia che non abbia effetti negativi, per poi passare a testare la sua efficacia, considerando sempre che i vaccini sono destinati a persone sane che vogliono rimanere tali, e quindi la loro sicurezza è una condizione imprescindibile.
Quando sono stati raccolti dati adequati a confermare che il vaccino è sufficientemente sicuro ed efficace, tutta la documentazione raccolta nelle varie fasi è sottomessa alle Autorità Regolatorie Nazionali o Internazionali (le più famose sono la Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti e la European Medicines Agency (EMA) in Europa) per la registrazione. Le Autorità Regolatorie controllano tutta la documentazione ricevuta e se i dati sono sufficienti, la registrazione del vaccino può essere concretizzata, il che significa che il vaccino può essere immesso in commercio. Recentemente e sempre più spesso, le Autorità Regolatorie danno il loro ok alla registrazione previo impegno da parte dell’azienda produttrice di continuare a condurre sperimentazioni cliniche su fette sempre più ampie di popolazione anche dopo la registrazione del vaccino.

Cosa succede se durante questi studi post-registrazione si scopre qualche effetto collaterale del vaccino non verificatosi prima?

Dipende dall’effetto collaterale, eventi di questo tipo sono accaduti nel passato, in alcuni casi hanno semplicemente portato ad un aggiornamento del foglietto illustrativo del vaccino, in altri molto gravi al ritiro del vaccino stesso dal commercio. In questo senso è fondamentale la rete di Farmacoviglianza sul territorio: i medici hanno l’obbligo di riportare tutti gli eventi avversi, che siano o no correlati alla vaccinazione. Dalla farmacoviglianza queste informazioni sono poi trasmesse alle aziende. Questo è uno strumento fondamentale per accrescere la conoscenza del profilo di sicurezza del vaccino. Mi preme sottolineare che questi controlli sono effettuati su tutti i farmaci e i vaccini: le aziende farmaceutiche sono tenute ad inviare periodicamente dei riassunti contenenti questi eventi alle autorità regolatorie di competenza, le quali poi decidono su eventuali azioni da intraprendere. Questi controlli continuano per tutta la durata di vita di un vaccino e anche per diverso tempo dopo il suo ritiro dal commercio. Il rigido controllo sul territorio e l’informazione che viene dal territorio è quindi fondamentale.

Oggi c’è grande fermento sulle vaccinazioni, sono molti gli scettici che non si vaccinano e non vaccinano i figli considerando i vaccini non sicuri o pericolosi: parliamo delle percentuali di rischio di un vaccino e dei danni da vaccino

In questi casi si parla di “vaccine hesitancy” e c’è fior di letteratura scientifica a riguardo, proprio perché è un argomento caldo, anche se non nuovo, dato che è nato fin dal primo vaccino scoperto da Edward Jenner (il vaccino del vaiolo, alla fine del 1700, ndr). Lo scetticismo verso i vaccini nasce con la vaccinologia stessa. Dati alla mano tuttavia le vaccinazioni sono state, insieme alla disponibilità di acqua potabile, lo strumento più efficace dell’ultimo secolo per raddoppiare la vita media nei paesi sviluppati.

Perché allora c’è tanta discussione sui vaccini?

Per due motivi fondamentali: il primo è che i vaccini sono somministrati a persone sane. Mentre un malato che prende un farmaco accetta anche i suoi effetti collaterali pur di alleviare il suo dolore o di curare la sua malattia (prendiamo l’esempio classico degli anti-infiammatori: leggendo il foglietto illustrativo ci sono tantissimi effetti collaterali anche gravi, eppure chiunque abbia mal di testa non esita a prenderli), una persona sana considera qualunque effetto collaterale come un problema, un fastidio. Il secondo motivo è che i vaccini sono vittime del loro stesso successo.

Cioè?

Voglio dire che le malattie che negli anni sono state eliminate dai vaccini oggi non si vedono più, malattie quali la poliomelite, la difterite, il tetano, certi tipi di meningite, mentre si vedono gli effetti collaterali del vaccino, quando presenti. La maggior parte delle persone non sa o non si ricorda gli effetti terribili di queste malattie, quindi associa il vaccino al suo possibile effetto collaterale senza vederne il reale beneficio. Faccio un esempio recente: alla caduta dell’Unione Sovietica negli anni ’90, ci fu un parallelo crollo del sistema sanitario che non forniva più i vaccini alla popolazione. La conseguenza fu una gravissima epidemia di difterite, che fu debellata solo dopo la re-introduzione delle vaccinazioni. Quello che intendo è che oggi c’è benessere anche perché molte vaccinazioni sono sistematiche, usate da tutti o quasi, ma se le vaccinazioni sono sospese le malattie possono tornare.

OK per la difterite, il tetano, malattie “ancestrali” e terribili, ma per malattie come il morbillo, la varicella, che tutti fino alla mia generazione inclusa hanno avuto da piccoli, che senso ha la vaccinazione?

Il morbillo io l’ho avuto a due anni, ma me lo ricordo anche oggi come una bruttissima esperienza. Anche negli anni recenti in Italia ci sono stati focolai di morbillo che hanno avuto come conseguenza un certo numero di persone con effetti collaterali gravi, e, in qualche caso, anche morte.
Il valore della vaccinazione non è solo dovuto alla possibilità di prevenire morte o effetti collaterali gravi della malattia, ma alla possibilità di prevenire la sofferenza e il disagio dovuto alla malattia stessa.

E’ giusto basarsi sul rapporto rischio-beneficio per decidere se vaccinarsi o vaccinare i propri figli?

Il rapporto tra rischio e beneficio regola tutti gli aspetti della nostra vita, dal decidere se scendere dal letto la mattina per andare in ufficio in avanti. Ci sono due tipi di rapporto rischio-beneficio nell’ambito medico: quello sulla sanità pubblica, in cui si considerano gli effetti sulla società, sulla base dei quali ad esempio viene deciso di vaccinare soltanto una particolare fascia di età per un certo vaccino, perché dal punto di vista sociale, dei costi eccetera è la scelta più favorevole. Poi c’è il rapporto rischio-beneficio per l’individuo: questo a mio avviso è un tipo di discorso che andrebbe sempre affrontato con il proprio medico, perché è diverso per ognuno di noi e include anche in questo caso dei costi, pensiamo al vaccino anti-influenzale comprato in farmacia. Faccio una similitudine rubata a Rino (Rappuoli, ndr): comprare un vaccino è come fare un’assicurazione sulla casa, cioè pago dei soldi tutti gli anni per un evento che spero non accada mai.

Un messaggio a chi non si vaccina perché ha paura dei rischi associati

Ogni atto medico ha dei rischi associati, effetti collaterali, questo va tenuto sempre presente. I vaccini nella quasi totalità dei casi hanno effetti collaterali del tutto transitori, quali ad esempio febbre e dolore nel punto d’iniezione.

E per gli effetti gravi? Penso all’autismo.

Per prima cosa la correlazione fra autismo e vaccinazione non è mai stata scientificamente provata, in realtà il medico che pubblicò questo articolo fu radiato dall’ordine dei medici e la sua pubblicazione fu ritirata, ma questo tipo di informazione non ha avuto sul pubblico la stessa presa che ha avuto la pubblicazione stessa, addirittura i più scettici pensano che dietro al ritiro dell’articolo ci siano stati dei poteri forti in grado di mettere a tacere questo tipo di denunce. Ritorno a dire che bisogna sempre considerare la percentuale di probabilità che un effetto collaterale grave post-vaccinazione avvenga in relazione alla probabilità di contrarre la malattia e i suoi effetti. Vorrei anche aggiungere che se un vaccino è in commercio, sulla base dell’iter che abbiamo descritto prima, questo significa che il rapporto rischio-beneficio è stato valutato come favorevole dalle autorità competenti; se non c’è fiducia nel sistema sanitario allora non ci sono più riferimenti.

Ringrazio la D.ssa Lattanzi per averci dato delle utili informazioni che possono a mio avviso essere usate come spunti di riflessione. Vaccinarsi o meno rimane una scelta molto importante, ed è auspicabile che venga fatta con dati alla mano, dopo aver dialogato con il proprio medico ed avere valutato i rischi associati al vaccino in relazione a quelli associati alla possibile malattia.

Da martedì 15 marzo comincia il corso per bandieraie

Da martedì 15 marzo, ore 21.15, tutti i martedì, corso per bandieraie.

Per informazioni contattare Carla Romboni

Du’ chiacchiere col Santo

A tu per tu con San Giuseppe

di Marco Vagheggini

 

M.            È permesso, posso entrare?

S.G.         Certo, avanti avanti…benvenuto in chiesa.

M.            Sono qui per l’intervista.

S.G.         Sì, sì, è puntualissimo.

M.            Come la devo chiamare…San Giuseppe?

S.G.         Prima di tutto diamoci del tu, poi Giuseppe è sufficiente…i titoli non mi sono mai piaciuti.

M.            Bene, Giuseppe, la tua festa si avvicina.

S.G.        Sono davvero contento, il 19 marzo è la festa di tutti…mia, di tutti i papà…ehm, scusa, lo so che a Siena si dice babbi…e dell’Onda naturalmente!!

Tutte quelle persone devote che vengono a dire una preghiera, ad accendere una candela per i loro cari, che si portano a casa il panino benedetto…sì è proprio il mio giorno preferito! Non immagini quanto mi piace vedere le bandiere sulla facciata della chiesa…e poi quegli eleganti braccialetti…la festa si respira nell’aria!

Quando mi affaccio dall’arco e guardo giù nella spiaggia, che una volta portava il mio nome, sono attratto dalle bancarelle, dal profumo di croccante e brigidini…

M.           E naturalmente le frittelle…

S.G.       Purtroppo, quel dolce profumo non arriva fino a quassù…la cucina è un po’ troppo lontana…però mi piace il mio ritratto che mettete lì…io non sono così grassoccio, ma va bene lo stesso…

M.            …e poi ci sono i bambini…

S.G.       La festa di san Giuseppe è la loro festa, li vedo felici con i babbi, più spesso con i nonni, mentre si tirano dietro quei bellissimi e colorati carrettini…il rumore delle pigne sulle lastre è magico…qualche anno fa c’erano anche le fruste con la coccola in cima, che battaglie, ragazzi! E che strilli!…

M.            E poi il 19 marzo è l’ annuncio della primavera imminente…

S.G.         È vero, in questi giorni di gran freddo e neve, pensare alla primavera mi scalda il cuore.

M.            Hai visto quanto è bella Siena con la sua veste bianca?

S.G.         Uno spettacolo…mi ricorda quel canto che fate nei giorni di Palio…come fa?

“Oh quanto è bella Siena con la sua nuova veste…”…beh, io il bianco ce l’ho messo, per il celeste, pensateci voi!!

M.            Per la nostra città è un momento difficile, lo sai…vuoi fare un augurio a tutti i senesi?

S.G.         Questo è il mio augurio più grande, con tutto il cuore…il lavoro.

Ognuno di noi sa quanto sia importante…quella parola semplice non ha bisogno di essere spiegata, dentro c’è la vita di ogni uomo e di ogni donna…da sempre.

M.           Prima di salutarti, raccontaci qualcosa, un fatto avvenuto un po’ di tempo fa…sai i nostri giovani sono curiosi del passato…

5

S.G.        Mamma mia!…sono tanti i ricordi…da dove cominciare…sì, quando gli Alleati entrarono in Siena per liberarla, il 3 luglio 1944, io sono stato il primo a benedirli…sono passati tutti qui davanti, sotto l’arco, mezzi militari di ogni sorta…ricordo che un grosso camion si ribaltò proprio oltrepassando l’arco e rimase per molto tempo a sbarrare la strada…e poi…questa è una chicca, non la sa nessuno, avvicinati…il 19 marzo di tanti anni prima, nel 1934 mi pare, c’era una signora a pregare nella panca dove sei seduto te ora…era una maestra…era incinta e stava per partorire…aveva già messo al mondo tre splendide ragazze e ora aspettava un altro figlio…era assorta in preghiera ed io non sapevo come avvertirla che se non si sbrigava a tornare a casa, il nascituro, me lo faceva qui…te lo immagini un parto in diretta!!. Mi avrebbe riportato indietro nel tempo, a quando ero giovane in Palestina…lasciamo perdere…dove ero rimasto??

M.          …alla maestra in preghiera…

S.G.      Ecco sì…all’improvviso si sentì male e la portarono a casa di corsa, nel vicolo degli Ugurgieri…ho saputo dalle chiacchiere delle donne nei giorni seguenti, che la signora aveva partorito ancora col cappotto addosso e che il figlio era maschio…ma questo io lo sapevo già…lo avevano chiamato Giuseppe…

M.          Mi sembra il minimo…

S.G.     Bravo!! Quante belle cose ha visto questa chiesa!! Mi divertivo un sacco quando gli alfieri facevano a gara, facendo l’alzata, a spedire la bandiera dentro il cupolino…non erano mica tanti quelli che ce la facevano eh!…altri tempi..anche la benedizione del cavallo il giorno del Palio, era più allegra, chiassosa…e quel bercio (dice proprio così: n.d.r.) finale “Vai e torna vincitore!!!”…oggi mi sembrate un po’ troppo ingessati…con tutti quei richiami al silenzio, tutti quei “no flash” in lingua straniera addirittura…

M.          Ti capisco…hai problemi con l’inglese…

S.G.       …l’inglese??!! E capirai!…io parlavo aramaico!!!

M.          Sai Giuseppe, l’esperienza di Giove Deus del 2010, ha segnato tutti noi…

S.G.     E chi se lo scorda quel giorno?? Quel gran cavallo ha firmato anche lo scalino di fronte all’altare alla mia destra!! Rivedo ancora le scintille dei ferri sul travertino…peccato che non sia riuscito a vincere il Palio…

M.         A proposito di Palio…che annata ci aspetta??

S.G.     Sai…in tema di Palio, neppure io posso fare previsioni…ultimamente mi sembra però di aver lavorato bene e di aver ascoltato le vostre preghiere…alcune fatte con fede, altre…beh sorvoliamo…

M.         È vero Giuseppe, il 2012 e il 2013 sono stati anni fantastici…e un consiglio per il 2015??

S.G.     Il consiglio è sempre lo stesso: state uniti, discutete e litigate nell’Onda, ma fuori fate muro…siate uniti, contro tutto e tutti…e poi, questo te lo dico sottovoce, mica vorrete dare una soddisfazione a quella presuntuosa di mia suocera eh??!! (S. Anna, n.d.r.) Non mi sta per niente simpatica, e capisco bene la vostra avversione per quelli nati dalla parte sbagliata del Mercato!!

M.            Giuseppe, grazie per le tue parole e il tempo che ci hai dedicato.

S.G.         Ce l’ho io una domanda per te…M. sta per??

M.            Malborghetto, il nostro giornale, il nostro rione, la nostra vita!!

S.G.         Sai una cosa?? Mi piacerebbe essere nato qui, nell’Onda…

M.            Ma tu sei comunque uno di noi, da sempre…

S.G.         Questo è vero, però ora, uscendo di chiesa, mi avresti detto: “Addio Beppe, ci si vede presto, giù nell’Onda!!”

M.            Ciao Giuseppe, e grazie…

S.G.         Ciao, ci si vede il 19 marzo!!!

C’è un’ondaiola che balla. E lo fa benissimo

La storia di Eleonora Rugi. Ondaiola, ballerina, campionessa italiana.

di Giulia Monaci

Chissà se un giorno un team di ricercatori individuerà le caratteristiche del DNA che rendono tale un campione. Chissà se si individuerà con estrema precisione quale cromosoma ci rende pittori, quali scrittori, quali attori e via dicendo. Certo è che appartenere alla Contrada dell’Onda pare avere un suo imprinting nel creare eccellenze. Senza alcun timore di peccare di ὕβϱις (superbia) , si può affermare che l’Onda sforna talenti. Sarà che la nostra Contrada, nell’accoglierci, ci dona un privilegio speciale… mentre in altri parti di Siena si devono accontentare di appartenere a mondi di terra, o di mare o addirittura immaginari, noi abbiamo la fortuna di avere due elementi a impregnarci l’anima: il colore del cielo e la forza del mare. E quindi, senza oltre indugiare, vi presento la nostra ultima punta di diamante.

Eleonora Rugi nasce a Siena il 17 dicembre 1989 e all’età di sei anni inizia a cimentarsi nel mondo della danza. Il genere di cui si innamora sono le danze standard e le danze latino americane (samba, cha cha cha, rumba, passo double, jive), con le quali cresce, portando avanti l’impegno sportivo sempre di pari passo a quello scolastico. Attualmente iscritta al corso di chimica e tecnologie farmaceutiche all’Università di Siena, Eleonora da sempre coltiva il suo amore per la danza e da sette anni insegna alla scuola MG di Siena. Suo ballerino storico è Nicola Nelli, 28 anni, anche lui senese doc e contradaiolo dell’Oca. Cinque volte campionessa regionale, nel 2012 arriva in finale al “Campionato Italiano A1” e con questo “podio mancato” si guadagna la possibilità di partecipare comunque a gare internazionali, dove guadagna un terzo posto in Spagna, una finale in Danimarca e un secondo posto in Olanda. Da agosto 2015 Eleonora gareggia nella categoria “master”, la classe dei professionisti, e anche in questa fioccano successi, fra i quali degno di nota è l’arrivo in finale durante la gara di Germania.

eleonora rugi

Ringraziamo per la foto l’autore, Duccio Fiorini

Ma la nostra “solo” campionessa regionale, fino ad allora, nonostante si fosse spesso classificata fra i primi posti in più competizioni, non aveva mai raggiunto il podio. Ma si sa che ogni atleta che si rispetti sogna il primo posto e lavora sodo per ottenerlo, senza mai arrendersi e cercando sempre di perfezionarsi. E quando hai la stoffa del campione, arriva il tuo momento. Il 29 gennaio 2016, al Pala Congressi di Rimini, Eleonora veste un fantastico abito rosso fatto di fiamme e, è proprio il caso di dirlo, infuoca il palco. Anche se dentro di lei più che un fuoco c’è un temporale e quella serata verrà ricordata come “La serata dei lunghi piantoni”. Piange prima dell’esibizione perché quella gara è troppo importante, e quella coreografia l’ha ripassata talmente tante volte che ormai non la sopporta più. Piange subito dopo l’esibizione perché finalmente libera tutta la tensione accumulata e infine…. Piange al momento della premiazione, mentre le celebri note di Mameli, care a noi italiani, esplodono nell’aria. Un’esibizione perfetta, un primo premio meritato e che va a ripagare ore e ore di duro lavoro, rendendo fieri mamma Antonella e babbo Roberto, oltre che Fabio, ragazzo di Eleonora, con il quale proprio quel giorno compiva 6 anni di fidanzamento. Quale regalo migliore per festeggiare? Nicola ed Eleonora hanno conquistato il primo posto nella specialità L.A. SHOW DANCE e sono ufficialmente i nostri campioni italiani. Nel frattempo i prossimi impegni sono già scritti: a breve verranno comunicate le date dei campionati europei e di quelli mondiali, ai quali i nostri campioni in carica parteciperanno. A te, Eleonora, che hai dedicato la tua vita al ballo, sento di poter dedicare questo augurio: “Che tu possa avere sempre il vento in poppa, che il sole ti risplenda in viso e che il vento del destino ti porti in alto a danzare con le stelle” (cit. George Jung).

Guarda che polverone vien giù dall’Abetone

L’Onda protagonista alla 22esima edizione della gara di sci “Per slalom e per amore”

slalom

Una valanga biancoceleste si è abbattuta sull’Abetone. Lo scorso 21 febbraio, in occasione della 22esima edizione della gara di sci tra le società di Contrada “Per slalom e per amore”, i portacolori ondaioli Mauro Taccioli e Roberto Gambelli hanno bissato la vittoria dello scorso anno imponendosi nelle rispettive categorie, “master c” e “master b”.

Roberto ha addirittura sfiorato l’impresa facendo registrare il secondo tempo assoluto a pochi centesimi dal vertice della classifica.

Ottimo risultato, dunque, che è stato impreziosito dalla bella prova di Francesco Maria Grilli, distintosi nella categoria baby. Piccoli sciatori ondaioli, crescono, insomma. E questa, forse è la notizia più bella giunta dalla montagna pistoiese.

“E’ stata una bella soddisfazione – affermano gli ondaioli che hanno preso parte alla gara – e, al di là dei risultati, ci siamo divertiti molto, anche grazie alla giornata primaverile. La presenza del piccolo Francesco è di buon auspicio, per un futuro che ci auguriamo sempre più ricco di successi. La speranza è che il prossimo anno la partecipazione dell’Onda a questo evento sia numerosa”.

“Per Slalom e per Amore”, organizzato dallo Sci club di Siena, si conferma una manifestazione di successo, ben organizzata e in grado di raccogliere molte adesioni tra i senesi. Per la cronaca, la Società “San Marco” si è aggiudicata la 22esima edizione del trofeo, seguita dalla “Trieste” e dalla “Cecco Angiolieri”. Sul fronte della classifica assoluta, per quanto riguarda le donne: Ginevra Migone della “Cecco Angiolieri” ha conquistato la vittoria con il tempo di 1’03.48, seguita da Alessandra Andreini “Rostro”, 1’07.44, e Cecilia Vittori, sempre della “Cecco Angiolieri” che ha fissato il cronometro a 1’08.69. Alessandro Pifferi de “ Il Leone” è salito sul gradino più alto del podio con il tempo di 59.69, seguito dal nostro Roberto Gambelli, 59.78, e Matteo Lupi Grassi “Trieste”, 1’00.17. Tra i tesserati FISI si è imposto Federico Pera della “Due Porte”, 56”38, davanti a Franco Maggiorelli “San Marco” con 57”08 e Alessandro Pera, “Due Porte”, 58”49.

È Online il nuovo sito della Contrada Capitana dell’Onda!

“Guarda che bello il sito nella sua nuova veste…”

Il nuovo portale dell’Onda è online. Più bello del precedente, certo, ma non è questo l’obiettivo che ci poniamo lanciando questa nuova avventura. L’idea è di offrire agli ondaioli e a tutti coloro che sono interessati alle attività della nostra contrada un luogo sempre aggiornato, ricco di notizie, informazioni e storie.

Uno luogo virtuale, certo, ma ben ancorato alla realtà concreta dell’Onda. Una realtà che è vita quotidiana sospesa tra una storia plurisecolare e un futuro, ci auguriamo, altrettanto importante. All’interno di www.contradacapitanadellonda.com trovate delle sezioni nelle quali si racconta l’ABC dell’Onda, le vicende storiche, il territorio, i simboli e i personaggi che ne hanno scritto le pagine più importanti. C’è, poi, una parte molto più dinamica, con notizie, articoli e informazioni dedicate alle attività e agli eventi biancocelesti.

Il sito dovrà diventare il punto di riferimento per tutta la comunicazione ondaiola. Una comunicazione che continuerà a viaggiare sui binari tradizionali, dal giornalino (a breve anche in versione online) alle bacheche, ma organizzandosi per essere sempre più al passo di un mondo che, ci piaccia o no, chiede di essere connessi ogni giorno, tutti i giorni dell’anno. Proveremo a tenere il ritmo cercando di legarsi sempre più anche all’universo social, cominciando con la valorizzazione della pagina ufficiale della Contrada.

E poi.. e poi vedremo. Di certo la strada dei social e dei cosiddetti nuovi media apre prospettive stimolanti. Non c’è niente da inventare, c’è solo da coltivare il sentiero già tracciato da altri, ovvero da tutti coloro che, da anni, stanno seguendo, con passione, la comunicazione ondaiola, dal sito ai numeri unici, passando per il Malborghetto, fino alla realizzazione delle locandine e delle tessere.

Di certo per vivere al meglio questa nuova avventura c’è bisogno del contributo di tutti. Ci sarà il coordinamento dell’Agenzia multimediale, naturalmente, ma solo con le idee, gli articoli, i post e le foto degli ondaioli riusciremo a far pulsare, anche in rete, la vita della nostra contrada. Sarà come prolungare le immagini del video della home page che sono una splendida sintesi di quello che è l’Onda, nel suo incedere quotidiano nel marasma della storia.

Nel mare non c’è rifugio, afferma un vecchio adagio popolare. E nel mare della rete ce n’è ancor meno, dico io. Ma internet può essere una grande opportunità per portare nel futuro i valori e l’identità della Contrada. Una sfida stimolante che dobbiamo affrontare con entusiasmo. Buona navigazione a tutti.

Viva l’Onda

Massimo Gorelli

È nata Irene Benato!!!

Giovedì 25 febbraio 2016 è nata Irene Benato, figlia di Daniele Benato e Claudia Bonci.

Benvenuta Irene!!

Servizi Bar di Società

Per visualizzare i turni di servizio al bar di società visitare questo link